Brevi precisazioni su diavoli, avvocature, AVS e AVE

Il 10 maggio 2013, dopo la mia consueta doccia mensile, scopro, nella mia casella mail, un invito inaspettato: quello del direttore di Prometeus Magazine, testata che si occupa di fare comunicazione sulle biotecnologie e che ha seguito da molto vicino la vicenda dell’occupazione dello stabulario di Milano, il quale mi domanda se mi interesserebbe scrivere un contributo per il suo sito. Lo scopo, coraggioso e forse anche un po’ folle, è quello di tentare di instaurare un dialogo tra ricercatori e animalisti. Siccome Ederle è gentile e, nonostante la nostra divergenza di vedute sulla SA, pure incredibilmente imparziale, accetto volentieri.

Come d’accordo, butto giù un pezzo che possa fungere da introduzione alle più comuni forme di animalismo, e glielo invio. Mi contesta l’eccessiva lunghezza dello scritto e preferisce spezzarlo in due, ma per il resto è soddisfatto e lo pubblica così com’è, scegliendo il titolo di Animalista e animalista.

I lettori sembrano apprezzare, così la settimana successiva esce anche la seconda parte, rivista alla luce dei commenti che ho ricevuto: Distanze.

Nonostante qualche critica piuttosto accesa, mi stupisco – e mi compiaccio – dello squisito clima di cordialità in cui si svolge il tutto. Fino a che, ieri, leggo questo delirio:

avvocatessadeldiavolo

¡Ay, caramba! Contatto immediatamente il direttore di Prometeus, facendo presente che, dovesse servire, potrei dimostrare in qualsiasi momento, documenti alla mano, che la disputa tra AVS e AVE non è un’invenzione mia per ingannare i lettori di Prometeus, ma una realtà ben nota a chiunque conosca un minimo l’ambiente animalista. In particolare, la rivista antispecista Liberazioni ha ospitato uno scontro storico tra Stefano Cagno, noto medico psichiatra AVS, e Massimo Filippi, neuroscienziato del San Raffaele di Milano, antispecista e convinto AVE, e lo stesso blog su cui scrivo, Asinus Novus, propone diversi interventi di AVE, come Leonardo Caffo, che criticano molto duramente l’AVS.

Attendo impazientemente risposta.

Arriva: “non gli darei troppo peso”.

Un mito.

Annunci

14 risposte a “Brevi precisazioni su diavoli, avvocature, AVS e AVE

  1. MV conferma con ogni intervento il suo essere notevolmente invasato e soprattutto in cattiva fede; vale solo la sua opinione, poche storie. “Ripulire l’immagine degli animalisti”, è qua che si smaschera da solo: L’unica immagine valida deve essere quella che dà lui, viziata dal suo sforzo diffamatorio nella “demonizzazione dell’avversario”.

  2. il peso di MV è pari al vuoto pneumatico nella sua testa. In effetti lui vorrebbe che esistessero solo animalisti con la bava alla bocca, per questo lo mandi in bestia. Noi invece non vorremmo che i pro-Sa non fossero tutti come lui, perché ci piace dialogare con esseri senzienti e soprattutto non in mala fede. Besos Serena, sei incredibile!

  3. “non fossero tutti come lui” (c’è un *non* di troppo, lapsus freudiano! :D)

    • Leggere quelli come MV ha comunque una sua funzione importante, e cioè ricordarci che non è vero che gli animalisti sono il peggio che si può trovare in giro. Questo è molto confortante, e mi fa pensare che la mia e la tua sia anche un po’ deformazione professionale. Besos :-*

  4. Serena, il dubbio di MV è però condiviso da molti e non del tutto infondato, anche se bisogna andare oltre dal suo avviso “non toccare gli appestati” che ha lanciato. Quante persone animaliste lo sono perchè sono protezioniste, quanti sono solamente zoofili e quanti sono liberazionisti? Se dovessi fare una classifica tra tutti quelli con i quali ho avuto a che fare direi grossa maggioranza zoofili, secondi i liberazionisti e pochi protezionisti. Se invece guardo agli scienziati con i quali ho a che fare posso dire che una grande percentuale può essere tranquillamente inquadrata nell’insieme dei protezionisti (nell’ambito della SA almeno, non conosco i dettagli della loro vita privata) perchè c’è sempre la tendenza e lo sforzo a migliorare e ridurre l’utilizzo di animali quando è possibile.

    • Elia, ma quello di MV non è un dubbio: mi accusa apertamente di mentire. Qualcun altro, al posto mio, avrebbe già fatto partire una bella denuncia per diffamazione: fortunatamente per MV, non ho i soldi per pagarmi un legale e anche se li avessi non lo farei, perché amo la tranquillità.
      Nell’articolo si fa presente che non pochi attivisti mischiano di continuo posizioni AVS con posizioni AVE, eppure gli “intellettuali” del movimento, chiamiamoli così, sono molto più chiari e trasparenti di quanto viene fatto passare. Non ci si può vantare di conoscere a menadito la galassia animalista per aver spiato quattro esaltati su facebook: c’è anche altro, fortunatamente.

      • Elia Magrinelli

        Infatti non pretendo di conoscere tutta la galassia animalista, ma delle esperienze che ho avuto (si, gruppo limitato e che vorrei ampliare, motivo per il quale sono anche qui. Non si limitano solo a facebook ad ogni modo, ma queste sono altre storie). Ho utilizzato “dubbio” inteso come dubbio critico, poi ovvio che le accuse di menzogna sono altra cosa, non le condivido. Il mio era un commento sul fatto che l’immagine che passa da chi (ed è la maggior parte delle persone, sarà anche “colpa” loro che non vogliono approfondire, ma di fatto è così) ascolta solo notiziari o vede le cose solo dai social network, ha una idea degli animalisti non complessiva. A mio modesto avviso questo fatto che Vi danneggia potrebbe essere migliorato da prese di posizione più chiare ed officiali di fronte a tali eventi.

      • Non ce l’avevo con te, ma con MV, che in un commento che non ho riportato (ma si può tranquillamente leggere su Prometeus) si vanta di essere, insieme a un altro admin, il più grande conoscitore italiano dell’antispecismo. Ecco, mi sembra un filino esagerato. Sul resto ti do ragione.

      • Elia Magrinelli

        Scusa, mia misinterpretazione. Si avevo letto quel commento, ma sinceramente non capisco perchè lo dica, non so se effettivamente per “lavoro” faccia da sorta di mediatore o comunque tratti con associazioni animaliste. Altrimenti quel che non ha scritto non ha alcun senso. Mi aveva comunque incuriosito e vorrei capire per quale delle due ragioni (o altre) lo abbia affermato. Insomma, se veramente è quel dice di essere sarebbe, molto bene sarebbe una figura alquanto interessante, altrimenti concordo con quanto dici tu, farebbe la figura del bambino che dice all’amico di avere a casa una palla più bella della sua.

      • MV gestisce due pagine facebook, A favore della sperimentazione animale e Perle antispeciste. La sua conoscenza dell’animalismo deriva per il 99.9% dall’osservazione di quanto avviene sui social network. Se sia una figura interessante o un bambino (ma neanche è detto che l’una cosa escluda l’altra) non te lo voglio dire io: potrai fartene un’idea da solo scartabellando tra i suoi stessi post. Ah, se interessa, io l’ho contestato in due occasioni: qui e qui.

  5. Tra il peggio dell’animalismo e MV ci passa comunque un abisso incolmabile; per il semplice motivo che quello che contestano gli animalisti (poi si può discutere sull’opportunità o meno dei modi, sono d’accordo) corrisponde comunque a verità (la sofferenza degli animali), mentre la disonestà intellettuale di MV (ma direi piuttosto il suo delirio narcisistico) gli fa affermare un sacco di falsità. Come quella, che tu giustamente riporti, di conoscere l’antispecismo e menadito quando in realtà ne ha una visione molto superficiale.

  6. Breve aggiornamento, dal sito http://difesasperimentazioneanimale.wordpress.com/about/ il blog dal quale scrive MV ne esce un’immagine di una associazione alquanto chiara, a mio avviso, sull’esporre al pubblico quello che è la SA, nulla da dire. Sono attivo da circa tre anni col blog, ma tra gli articoli vari non mi sembra di vedere grandi interscambi con l’universo animalista. Non so se quindi sono stati scambi avvenuti “al buio” di questo blog…quantomeno è un buon modo per chi non ha idea di cosa sia la SA di avere una idea (si vaga), ma comunque veritiera e generale di cosa sia ( la session FAQ in particolare mi è parsa ben fatta al riguardo, soprattutto per i non addetti ai lavoro si intende).

    • Il blog è gestito a più mani, e alcuni articoli sono anche interessanti. A mio modesto parere, nessuno tra quelli di MV.

      • Elia Magrinelli

        In effetti avevo evitato in un certo senso di guardare le pagine facebook e cercavo qualcosa di più “attivo”, qualcosa che fosse derivato più da esperienza diretta…
        Tra gli articoli che ho girato su quel blog mi sa che non ne avevo ancora incontrato uno suo. Boh, continuerò a cercare, anche se lentamente, come sto anche facendo qui, correggere la tesi della mia studentessa prende un po’ di tempo a queste attività.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...