Qualcosa di…sinistra?

Che l’occupazione del Dipartimento di Farmacologia della Statale di sabato 20 aprile avrebbe suscitato reazioni drastiche ce lo aspettavamo tutti quanti. Quel che non ci aspettavamo, è che testate come Qualcosa di Sinistra (del tutto legittimate a condannare anche fermamente il gesto) si sarebbero spinte con tanta facilità a parlare di attacco terroristico. A strillare, di attacco terroristico. E no, l’articolo che si apre con questo avviso (“Avviso ad animalisti e disinformati. Troll, spammer, apologeti di reati contro lo Stato e diffamatori verranno eliminati a loro stessa tutela. Per tutto il resto, per chi sa l’inglese, ne parla anche Nature. E se non sapete cosa sia Nature, bhè, a maggior ragione è bene che sull’argomento non vi esprimiate affatto”) non è a firma di G. W. Bush, ma di tale Pierpaolo Farina.
Il nostro Jacopo, divertito e insieme amareggiato per la statura nanesca dello scritto, si è permesso di contestare l’articolista sulla pagina facebook del sito. Risultato: trattato come un povero idiota da un’insopportabile Laura Bonaventura (che esce massacrata dal confronto), e infine ignorato. Ignorato fino a quando, oggi (non senza aver bannato diversi utenti indignati), sempre su Qualcosa di sinistra la stessa pubblica un nuovo articolo altrettanto orrendo (si definisce il terrorismo in base ad una voce di Wikipedia ritenuta dubbia dall’enciclopedia stessa, mentre non esiste una definizione giuridica internazionalmente accettata del fenomeno, che però richiede l’uso della violenza) in cui un commento di Jacopo – guarda a caso uno solo: il primo – viene screenschottato ed esposto alla pubblica gogna, e lui stesso è qualificato come “invasato”. Da G. W. Bush passiamo a Sarah Palin, o meglio, a un mirabile incrocio tra Sarah Palin e vostra cuginetta di tre anni.

Immortalo e vi riporto l’intera discussione che si è svolta su facebook: non credo serva aggiungere altro…

qlc1
qlc2
qlc3
qlc4
qlc6
qlc7
qlc.pen
ultimo

Annunci

22 risposte a “Qualcosa di…sinistra?

  1. Per inciso, se fossimo fascisti, avremmo bannato anche il signor Jacopo Sabbatini. Essendosi espresso (benché delirante) in termini consoni alla netiquette (a quanto pare ignorate da troll, spammer e apologeti di reati contro lo Stato) e alle regole della pagina, non l’abbiamo bannato. Quindi, Qualcosa di Fascista lo andate a dire a quelli che devastano i luoghi pubblici finanziati con soldi pubblici e che rispettano la legge, fino a prova contraria (e di prove, i signori terroristi, non ne hanno trovate, ma hanno in compenso liberato specie animali non presenti in natura, le cui possibilità di sopravvivenza al di fuori di un ambiente asettico e sterile sono nulle, condannandoli a 24 ore di supplizio prima della morte).
    Molto umani i vostri gregari denunciati dal CNR e dall’Università degli Studi di Milano. Già, già.

    • Sabatini, con una b: un ragazzo adorabile.

      Farina, mi dispiace ma lei è male informato. Le cavie non sono state affatto liberate in natura (ma le pare? per caso frequenta Resistenza Razionalista?), ma affidate alla Onlus Vitadacani. E il fatto che le adozioni siano ancora in corso significa che non sono tutte morte “entro 24 ore”…

  2. No, frequento in casa una dottorata con il massimo dei voti che fa ricerca sul cancro, già 110eLode in Biotecnologie Mediche. Che ne sa qualcosa in più di lei, oltre ad avere un curriculum che lei se lo sogna. Comunque, sono proprio curioso di sapere chi adotterà topi non presenti in natura (morti). E per inciso, grazie per l’informazione, sarà prontamente passata alla polizia giudiziaria per il recupero.
    Per quanto riguarda invece l’accostamento a Bush e l’insulto fascista, valuteremo con i nostri legali ogni azione a tutela dell’immagine di Qualcosa di Sinistra.
    Cordialmente,
    PF

  3. Lodevole aver modificato il “qualcosa di fascista” nel testo, ma avevo opportunamente fatto un bello screenshot. Ah, se vuole evitarla per davvero la querela, lo tolga anche nel titolo, assieme agli accostamenti a Bush e alla Palin. Donna avvisata, mezza salvata. Oltre, si intende, all’articolo denigratorio nei confronti di Laura Bonaventura.
    Ah, giusto per darle qualche categoria concettuale in più: non si chiama intimidazione, si chiama tutela dell’immagine di un gruppo. In questo caso il nostro. Siccome abbiamo conservato gli screenshot dei bannati dalla pagina (per altro, tutti troll o fake), all’interno dei quali sono contenute affermazioni tali da configurare il reato di ingiuria, abbiamo pure le prove che sconfessano quello che lei ha appena detto (ovvero, la censura, per altro già smentita dai suoi stessi screenshots). Quando rimuoviamo un commento, lo facciamo solo per interesse esclusivo dell’autore. Sa, benché sia allettante la prospettiva, non possiamo trascinare in tribunale ogni giorno chiunque decida di sparare insulti sulla nostra pagina.
    Ri-cordialmente (confidando nel suo buon senso),
    PF

    • La voglio evitare sì, ché mia nonna è anziana e magari ci resta secca: su come sostituire il titolo, ci devo pensare almeno un attimo. Ma gli accostamenti a Bush e alla Palin…quelli non si toccano.
      E l’articolo su Laura Bonaventura non l’ho mai scritto: trattasi di semplice screenshot (la Bonaventura si denigra già abbastanza bene da sé).

      • Un’altra minaccia? L’accostamento a Bush e a Palin è semplice sfottò, magari poco divertente, ma pur sempre sfottò. E non capisco perché cerca di attribuirmi l’aver scritto un articolo denigratorio nei confronti della Bonaventura, quando ho semplicemente riportata (attraverso uno screen, fra l’altro) una serie di sue “uscite”.

  4. Forse anche l’articolo pubblicato in Qualcosa di… sinistra andrebbe modificato gentile Pierpaolo Farina, visto che attribuire a qualcuno un reato che non ha commesso è una calunnia.
    Si parla di attacco terroristico: ora, a casa mia (non so presso la sua) gli attacchi terroristici si fanno usando violenza e con le armi. Non mi risulta che i cinque attivisti, peraltro entrati a viso scoperto, abbiano minacciato qualcuno con le armi o abbiano causato morti.
    Da quando il termine “occupazione” è assimilato a quello di “attacco terroristico”? Dunque i giovani studenti che occupano le università o chi occupa le case è un terrorista?

    • Definizione di terrorismo, dal dizionario della lingua italiana (Zingarelli): “Modalità di lotta politica basata su atti di violenza indiscriminati (attentati, omicidi, rapimenti, sabotaggi ecc.) contro gli assetti politici e istituzionali esistenti.”

      Istituzione: “Insieme degli organismi e delle norme e delle consuetudini fondamentali su cui si basa un’organizzazione politica, e generalmente qualunque comunità o corpo sociale.”

      Questo per attenersi al dizionario della lingua italiana (ma ci sarebbero anche le definizioni politologiche e sociologiche che vi risparmio, non le accettereste come vere).

      L’Università Statale di Milano è un’istituzione, meglio, un edificio pubblico, il cui dipartimento di farmacologia è stato completamente devastato da cinque persone, per danni di centinaia di migliaia di euro.

      Sì, si chiama terrorismo, mia cara.

      • Ahhh, ma se vogliamo appellarci a una definizione di dizionario, accettiamo pure che vivisezione e sperimentazione animale vengano adoperati come sinonimi.
        Vediamo, vediamo per cosa saranno condannati…

  5. “”E’ ora che la politica cominci a prendere sul serio e a reprimere, con la forza se è necessario, il nuovo brigatismo animalista di matrice clericale.”

    Questo scrive Pierpaolo Farina sulla sua bacheca FB.
    Brigatismo animalista di matrice clericale?
    Ohibò. In tutta la mia vita non ho mai letto nulla di più esilarante.

    Piuttosto troverei preoccupante, ma anche assai significativa, l’istigazione a reprimere con la forza.

  6. Caro Pierpaolo, occupare uno stabile per liberare degli esseri senzienti non è terrorismo. Contestare l’immorale pratica della vivisezione e qualsiasi altra legge lesiva nei confronti di esseri senzienti non è terrorismo, bensì, disubbidienza civile. Come le ha anche ottimamente argomentato Antonio Volpe, nei commenti in calce al vostro articolo, che però avete prontamente rimosso.
    Per poter definire un’azione “terrorismo” bisogna che ci sia l’impiego di violenza.
    E, anche le università sono edifici pubblici, dunque occuparli è terrorismo?
    In quanto alla somma dei danni riportati, non può esser certamente lei a stabilirne l’entità. I cinque attivisti, entrati a volto scoperto, non si sono sottratti alle conseguenze legali (si chiama appunto disubbidienza civile) che il loro gesto ha comportato.
    Mi giustifichi piuttosto questo: “brigatismo animalista di matrice clericale”.
    Clericale? Brigatismo?
    Debbo supporre che voi abbiate il vizietto di usare termini a casaccio.

  7. P.S.:
    l’accostamento a Bush e Palin chiamasi satira.
    Peccato che altrettanto non si possa dire delle continue (e manco poco allusive o velate) minacce, nonché dell’istigazione a usare la forza contro gli animalisti da parte del sig. Pierpaolo Farina.

  8. Peggio per te, dice.
    Minacce.

  9. Molto di sinistra auspicare repressioni poliziesche mediante l’uso della forza.
    I modelli filosofici di Pierpaolo Farina sono praticamente i torturatori della Diaz e di Bolzaneto.

  10. Pierpaolo Farina, “Delirante” a me? Ma come si permette! Io la querelo Farina!! Lei è rovinato!!! Scherzo Pier, io sono uno di sinistra, ma libertario. E non minaccio denunce per ‘na stronzata del genere 😉

  11. Bellissimo anche quel “…grazie per l’informazione, sarà prontamente passata alla polizia giudiziaria per il recupero” nel commento del P.P. Farina: Io lo so come si chiama questo a casa mia, ma non lo dico; mica voglio che la polizia giudiziaria venga poi a “recuperarmi”… 😉

  12. @Sabbatini, come ho scritto in privato all’autrice dell’articolo, non mi interessa trascinare in tribunale nessuno per sapere fra 20 anni mediante sentenza che non siamo fascisti. Il “peggio per te” l’avevo inteso diversamente, ma in effetti è fraintendibile, quindi me ne scuso.
    Per quanto riguarda tutto il resto, ho già risposto nella sede opportuna (l’altro articolo dove mi si dà del fascista per il mio commento sulla mia bacheca facebook). Non ho tempo ulteriore da perdere a fare copia-incolla delle repliche per il web.
    PF

  13. Anche l’istigazione a “reprimere con la forza” è fraintendibile?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...