Violino

Per ogni individuo c’è un archetipo nella fiaba, basta cercarlo con sufficiente pazienza…nella fiaba, non nella favola, scrive, o almeno così traduce Solmi: e torna alla mente quella differenza che si faceva fatica a memorizzare sul libro di antologia delle medie, quando la voglia di studiare era scarsa, ma di certo non mancava l’inventiva. Per ogni individuo c’è un archetipo nella favola, avrebbe dovuto scrivere, o nemmeno sarebbe bastato: per ogni individuo c’è un archetipo nel regno animalia.
Antonio non sopporta le feste e i cocktail parties perché i corteggiamenti gli ricordano scene di predazione. Quando mi hai avvertita che ti saresti voltata, ti ho detto che eri un animale carnivoro. «Sì». «Allora mi fingerò morta», ho fatto io, e tu hai riso e hai continuato, e io ho pensato che non volevo altro che essere divorata. Paralizza le sue vittime, il veleno di Loxosceles rufescens? O le induce all’euforia, così che esse desiderino di venire mangiate, e non si muovano di un passo? Digerite vive, questo fa il morso del violino: prima ancora che le inghiotta, inondate dei suoi succhi gastrici. Ma io ho pianto, e tu sei ancora qui. Lo sanno gli entomatologi che gli aracnidi nutrono sentimenti di zoofilia?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...